Come l’occhio di gatto

Il fascino dell’universo è sempre bello… è un po’ che non scrivo anche se ho in mente 3 post da pubblicare…. uno è pronto e tra stasera e domani sarà pubblicato mentre gli altri quando avrò un attimo di tempo… a presto, anzi prestissimo intanto però vi lascio con questo articolo… chissà dove saremo fra cinque miliardi di anni :)

La nebulosa «Cat's Eye»
La nebulosa «Cat’s Eye»

MILANO – Come finirà, come si trasformerà il Sole quando inesorabilmente morirà fra circa cinque miliardi di anni, una volta esaurita la sua riserva di idrogeno che l’alimenta con un continuo processo di fusione nucleare? La risposta ci viene da una galleria di immagini di nebulose planetarie che gli astrofisici stanno studiando proprio per vedere il destino dell’astro che ci mantiene in vita sulla Terra. La più bella di queste nebulose è senza dubbio quella battezzata “occhio del gatto” (Cat’s Eye) ripresa dal telescopio spaziale Hubble: è una sequenza di disegni e colori straordinari che attraverso una seducente bellezza racconta la tragedia della morte di un corpo cosmico che prima brillava nel buio cosmico.

FIUME DI GAS E POLVERI – Quando una stella termina la sua vita si trasforma in una gigante rossa espandendosi e lanciando nello spazio fiumi di gas e polveri. Nel caso del Sole (che ha una massa 330 mila volte quella della Terra) questo flusso travolgerà i pianeti trasportandoli nello stesso tempo lontani dal loro luogo originario. Le immagini analizzate dagli scienziati mostrano i vari passaggi del fenomeno. E la diffusione nel cosmo dei materiali è una vera inseminazione di elementi chimici che si ritroveranno incorporati nelle future generazioni di stelle.

SOLE IN QUIETE – Intanto il Sole torna a far notizia per la sua insolita quiete. L’anno scorso doveva segnare la ripresa del ciclo undecennale da una bassa attività ad una più elevata. La maggior parte dei mesi era stata segnata dalla tranquillità ma verso la fine dell’anno si registrava una ripresa verso la normalità. L’inizio del nuovo anno dimostra un ritorno alla quiete e se continua così, ma ci sono ancora nove mesi ed è prematuro affermarlo, si potrebbe battere il record del 1913 noto come l’ “anno senza macchie”.

Dal Corriere.it del 25 marzo

Annunci

2 thoughts on “Come l’occhio di gatto

  1. Il tuo post mi riporta ad un racconto di Asimov, splendida allegoria delle angosce del genere umano, l’uomo e il super computer AC a cui rivolge l’inevitabile domanda “Potrà un giorno il genere umano essere in grado di riportare il sole alla sua piena giovinezza?”…”Dati insufficienti per risposta significativa!” Le stelle e le Galassie morirono e si spensero e lo spazio divenne nero.
    Un individuo alla volta e ciascun corpo fisico perse la sua idoneità mentale in modo tale che non si traducesse in perdita ma in un guadagno. L’ultima mente dell’Uomo esitò, prima della fusione, contemplando uno spazio che comprendeva soltanto i fondi di un’ultima stella quasi spenta e nient’altro che materia incredibilmente rarefatta, agitata a casaccio da rimasugli finali di calore che calava, asintoticamente, verso lo zero assoluto.
    “È questa la fine, AC?” domandò l’Uomo. “Non è possibile ritrasformare ancora una volta questo caos nell’Universo? Non può invertire il processo?”…L’ultima mente dell’Uomo si fuse e soltanto AC esisteva, ormai nell’iperspazio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...