Dov’è finita l’avventura?

Ho trovato questo articolo molto interessante.
Uno perchè si torna indietro nel tempo quando l’avventura dell’esplorazione era una grande esperienza. Ormai noi siamo abituati "a sapere tutto" e quindi il gusto della scoperta o dell’esplorazioni riguardano davvero pochi. Anche la voglia di esplorazione dell’universo ormai è legato ai film e alla fantascienza facendo perdere quell’istinto avventuriero che faceva salpare marinai semplice e li faceva tornare eroi.

Due perchè si cerca di riscoprire sapori perduti. Un po’ come andare alla ricerca del tempo perduto inzuppando una "Madeleine" nel the, per citare Proust assaporando un gusto ormai perso. Ormai quasi tutti i prodotti non sono più fatti con materie prime naturali ma "cresciute" in serra o laboratorio per creare sapori sempre più ricercati ma così poco naturali.

L’articolo seguente è preso dal Corriere.it
 

Si trova nella capanna della spedizione Nimrod di Shackleton
Polo Sud: alla ricerca del whisky abbandonato cento fa
Due casse individuate nel 2006, ma erano troppo imprigionate nel ghiaccio per recuperarle

La capanna di Shackleton a capo Royds
La capanna di Shackleton a capo Royds

WELLINGTON – Un gruppo di esploratori neozelandesi andrà alla ricerca di due casse di whisky abbandonate nel ghiaccio del polo Sud dalla prima spedizione guidatata da Ernest Shackleton nel 1909 (la spedizione Nimrod). L’idea – tra lo storico, l’archeologico e il marketing – è venuta a una distilleria scozzese, la McKinlay and Co., il cui whisky era stato portato come conforto dalla spedizione britannica cento anni fa.

SOTTO LA CAPANNA – Gli attuali proprietari della distilleria hanno dichiarato che intendono recuperare il whisky per effettuare alcune analisi e vedere se rilanciare quella particolare qualità, che ora non viene più prodotta. La spedizione del New Zealand’s Antarctic Heritage Trust utilizzerà speciali trivelle per perforare il ghiaccio e recuperare le casse sepolte sotto una spessa coltre presso la capanna di Shackelton a capo Royds sull’isola Ross. Come ha chiarito Al Fastier, che guiderà la spedizione che partirà in gennaio, le casse erano state individuate già nel 2006 sotto il pavimento di legno della capanna, ma erano troppo imprigionate nel ghiaccio per poter essere recuperate.
RIPRODUZIONE – Comunque non saranno recuperate tutte le bottiglie, ma solo alcune. Le altre resteranno dove sono, secondo le norme di conservazione concordate dalle dodici nazioni del Patto antartico. Secondo Richard Paterson, mastro miscelatore della Whyte & Mackay’s, gli attuali proprietari, il whisky di Shackleton è ancora «bevibile» e dovrebbe avere lo stesso gusto di un secolo fa. Se riuscisse a ottenerne un campione, sarebbe in grado di riprodurlo.

OAS_AD(‘Bottom1’);
SHACKLETON – La spedizione Nimrod, dal nome della nave impiegata, durò dal 1907 al 1909 e non fu quella tragica che rese immortale il nome del capitano Shackleton che invece venne effettuata tra il 1914 e il 1916.

Annunci

15 thoughts on “Dov’è finita l’avventura?

  1. ah .. l’esplorazione 
    Quando mi capita di vedere vecchissimi documentari inerenti l’esplorazione ne rimango rapita, e  a volte mi riesce difficile credere che si tratta di realtà .. di storia vissuta..

    Credo che l’umanità tranne qualche rara eccezione, abbia come tu dici perso il gusto per la scoperta..  per la ricerca delle origini.. del significato più recondito ed intrinseco delle cose..  ed è un vero peccato.

    Mi è piaciuto molto leggere questo tuo post.

    Ciao Marinz e grazie di cuore per le tue belle parole.

    una abbraccio e un bacetto

  2. simpatico post. Non ne avevo assolutamente sentito parlare di questa spedizione! Io da piccola dicevo che avrei fatto l’archeologa. Poi mi sono imbattuta nella filologia. Però penso che siano collegate l’una all’altra. Una spedizione tra i ghiacci credo che farebbe impazzire (di gioia e di freddo) mio marito!!! Bello questo articolo, bravo Marinz!

  3. @Iolosox  tanto lavoro e poco tempo per scrivere e poco da scrivere… torno presto però leggo sempre tutti :o)

    un sorriso a tutti :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...