La macchina del capo

Ieri sera sono andato a vedere Marco Paolini ne "La macchina del Capo".
Avevo visto alcuni spezzoni in TV ma vederlo dal vivo, come ogni spettacolo, ti coinvolge in maniera più intensa e profonda.

Lo spettacolo consiste in un monologo, intervallato e accompagnato dal musicista dei Mercanti di Liquori, gruppo che ogni tanto ascolto, che racconta la "sua infanzia" nel periodo degli anni 60 e 70 di cui ho vissuto l'ultima onda ai primi anni 80. Molti aneddoti e molte situazioni mi hanno ricordato la mia infanzia con alcune caratteristiche che rimarranno impresse sempre nella mia mente come per esempio le mitiche "gomme" colorate che bucavano i fogli Pigna o la colonia estiva.

E' stato davvero bello e divertente, perchè Paolini sa mettere in prosa teatrale con una dialettica coinvolgente e quindi ti senti partecipe di quel mondo ormai passato.
Oltre questo inseriva degli scorci di vita che sembravano vecchi di anni o potrebbero sembrare appartenere ai paesi poveri ed invece era l'Italia del dopoguerra che nella sua povertà stava riemergendo mischiando una borghesia e un proletariato che si differenziavano solo per chi aveva il tubetto di maionese e chi il panino con il prosciutto.

Mi domando se i ragazzi di oggi cosa si ricorderanno della loro infanzia: la tecnologia è avanzata ma ha lasciato alle spalle una vita quotidiana fatta di incontri e scambi che, difficilmente dietro lo schermo e una tastiera, si potranno fare. In un futuro prossimo, molti ragazzi, si ricordareanno di quella persona perchè era loro amica in facebook e non perchè ha condiviso un pezzo di quella sana strada fatta di gioie e dolori che si chiama vita.

Approfitto di questo per incollare un pensiero preso da un altro blog, frase che in questi giorni ho avuto modo di "vivere" in diverse situazioni: "in ogni piccolo risultato che realizziamo nella nostra vita, possiamo vedere tutto il concorso di insegnamenti ricevuti, di sostegno umano e del nostro proprio impegno coraggioso."

Ah, per chi non si ricordasse: La macchina del capo ha un psssssss nella uhm….

Annunci

4 thoughts on “La macchina del capo

  1. I ragazzi di oggi avranno anch'essi i loro rcordi, propri e tipici del loro tempo. diversi da ogni altro, così come quelli che noi conserviamo nella memoria e nel cuore.

    Domani… anzi tra qualche ora sarò su un aereo però non riesco a fare a meno di salutarti e ringraziarti ancora. 

  2. Mi piace tantissimo Paolini, perchè ha portato una dimensione nuova in televisione: è un miscuglio di cantastorie di un tempo, attore di teatro, attore di vita, che porta uno spettacolo i cui tempi e modo recitativo va bene sia per il teatro che per la televisione. Un innovatore senza dubbio!Andrò a cercare su youtube gli spezzoni dello spettacolo!Si avvicina la data della tua partenza! Sono con te ! un sorriso! Renata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...